Pagina:Nicolò Toneatti - Guida del viaggiatore per la città e per li dintorni di Trento, 1837.djvu/70

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
68


dono, si scorge un ben essere universale dei villici. Di questo due sono le cause, cioè il ritrovarsi fra villici agiati possidenti, che non si distinguono dagli altri nel vestito, e nella maniera di vivere, e l’essere il colono ben trattato dal possessore del fondo. Quivi rare sono le affittanze, ed invece si usa di contrarre col villico una società, pel quale uno dà a lavoro il campo, e l’altro impiega fatica, e sudori, e si dividono i frutti, ad eccezione della foglia de’ gelsi, che è assoluta proprietà del padrone del fondo, in relazione di due terzi al proprietario, e di un terzo al colono riguardo alle uve, e di metà per socio riguardo alle granaglie, ed agli altri frutti del suolo. I costumi de’ villici del Trentino, ed in generale del Tirolo italiano furono a meraviglia descritti da Monsignore Ticini, Canonico onorario della Cattedrale di Trento, Decano foraneo, e Parroco di Pergine nel suo — Uberto, o le serate d’Inverno dei buoni contadini.

Il saggio osservatore avrà esaminato il terreno composto di argilla, calce, e sabbia, il più proprio per l’agricoltura