Pagina:Notizie del bello, dell'antico, e del curioso della città di Napoli.djvu/283

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 285 —

anzi i giuochi Ginnici l’ebbero da’ Napolitani; ed a similitudine del nostro fabbricarono il Ginnasio in Roma.

       Non si potrebbe fissare con certezza il sito di tal Fratria, che al certo non poteva esser quello dove questo marmo fu ritrovato, cioè nello scavo delle fondamenta del palazzo di Marcello Muscettola, che dicesi all’Arco, occupato dalla Fratria degli Eumelidi. Dovea piuttosto trovarsi nel più ameno sito presso al mare; perciocchè essendo stati i Gionj primi fra’ Greci che a questi lidi approdarono, e ne occuparono le maremme, altro luogo scegliere non potevano che quello dove trovavasi il Sedile di Porto, ed oggidì il Molo piccolo, o almeno in quelle vicinanze, popolate di marinaresca gente, e di numeroso stuolo di mercatanti, botteghieri, ed artefici d’attrezzi attenenti a mestieri marittimi.
       8. Degli Eumidi — Che siavi stata questa Fratria l’argomentò il Martorelli da una lapida in forma di base ch’oggi si vede di prospetto alla chiesa di S. Filippo e Giacomo nella strada de ’librari. In essa son però visibili appena queste parole.

    Faustinae

    Sanctissimae Piissimae Augustae

    Phratores. . . .

    Eumidae. . . . . . . .


       Vorrebbe quell’illustre archeologo che l’Augusta, di cui qui si parla, fosse Faustina moglie di Marco Aurelio Antonino da restituirsi nel primo verso, che si vede raso. Egli si appoggia a Sesto Aurelio Vittore, il quale nella vita del detto Imperadore parlò della lunga dimora fatta da questa Principessa nella Campania. Essendo stata col rapportato marmo onorata della sacra consorteria degli Eumidi, si può credere ch’abbia potuto trattenersi in Napoli nella Fratria che, per la bellezza del sito dovea trovarsi nel colle di S. Agnello e di S. Gaudioso, in cui si gode della più nobile e pittoresca veduta, e dove, secondo il nostro Celano, furono rinvenuti diversi ruderi d’antichità, fra quali colonne di bellissimo marmo, e lapide dì superbo lavoro, come a suo luogo si dirà.
       9. Degli Antinoiti — la Fratria degli Antinoiti, come l’altra degli Eunostidi, ci viene rammentata da una preziosa iscrizione