Pagina:Notizie del bello, dell'antico, e del curioso della città di Napoli.djvu/337

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 337 —

portarono due gran Gonfaloni, uno di broccato giallo, e

    Parrocchia Di S. Maria dell’Avvocata.
                   » Di S. Maria delle Grazie fuori Porta Medina.
                   » Di S. Maria de’ Vergini.
                   » Di S. Maria degli Angeli alle Croci.
                   » Dell’Annunciata a Fonseca.
                   » Di S. Maria dell’Amore a Mater Dei.
                   » Di S. Strato di Posilipo.
                   » Di S. Maria del Soccorso all’Arenella.
                   » Di S. Maria delle Grazie a Capodimonte.
                   » Di S. Croce ad Orsolone.
    Sagrestia Curata dell’Annunciata.
    Cappellania Curata di S. Giovanni de’ Fiorentini.
                   » Di S. Giorgio de’ Genovesi.
    Parrocchia de’ Ss. Pietro e Paolo de’ Greci.

       Le coadiutrici sono

         S. Maria Apparente per S. Anna di Palazzo.
         S. Erasmo al Ponte della Maddalena per S. Arcangelo all’Arena.
         S. Maria del Carmine a Capodichino per i Ss. Giovanni e Paolo.
         SS. Trinità alla Cesaria per S. Maria dell’Avvocata.
         S. Maria di Piedigrotta per S. Giuseppe a Chiaia.
         S. Maria di Monte Verginelle a Casanova per Tutti i Santi.
         SS. immacolata de’ Cangiani e S. Gennaro al Vomero per S. Maria
    del Soccorso all’Arenella.
         SS. Concezione dello Scodillo per S. Maria delle Grazie a Capodimonte.
         S. Maria della Consolazione di Villa Nuova e SS. Addolorala del
    Duca di Frisio per S. Strato di Posilipo.

       È da avvenire che i Padri Cappuccini di S. Efrem Vecchio e Nuovo, e i Padri Riformati della Salute si prestano anch’essi all’amministrazione de’ Sagramenti.    I Parrochi delle quattro Parrocchie Maggiori, cioè S. Maria in Cosmodin a Portanova, S. Giorgio Maggiore, S. Giovanni Maggiore e S. Maria Maggiore escono colle loro Croci ad accompagnare i defunti delle rispettive ottine. Quando però nell’esequie interviene la Croce dell’Arcivescovado ch’è la chiesa massima, con li Cano-

     Celano — Vol. I. 43