Pagina:Notizie del bello, dell'antico, e del curioso della città di Napoli.djvu/5

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 7 —

per l’interessamento più per un fatto che per un altro, non offrirono che opere incomplete. Siffatti ostacoli se offendono la storia, son di peggior destino pe’ monumenti, i quali senza cronologico progredimento, resterebbero fra molti libri isolati o dispersi. Altro dunque non potremmo fare di meglio che ridurre le notizie in complesso; perciocchè un libro in cui si trovasse raccolto ed ordinato collo stesso metodo usato dall’autore quanto si riferisse alla generale e particolare descrizione topografica, storica, ed artistica di Napoli, sarebbe in vero pregevole ed utilissimo, perchè starebbe come di monumento al passato ed al presente, e corrisponderebbe alla comune aspettazione. Dopo del Celano è alle memorie ed illustrazioni de’ nostri eruditi concittadini dovuta la gloria di aver dato sommo incremento all’opera importantissima che annunziamo, e che mira eziandio ad agevolarne la lettura a tutte le classi.

Rispettando il testo, che sarà con fedeltà riprodotto, cenneremo di volo i fatti più memorabili della storia di questo Reame, procurando d’innestare in guisa il passato al presente, da farne risultare un insieme d’antico e di moderno che sia chiaro, piacevole ed interessante per tutti.

Aggiungeremo all’opera una serie di litografiche vedute de’ più cospicui monumenti di che la Città fa di sè vaga mostra, e che saranno da’ migliori artisti eseguite. Ma invece di situarle in ciascun libro, fia meglio formar di tutte un volumetto addizionale a forma d’un Album diviso in dieci parti, corrispondenti alle dieci Giornate del Celano. Possa frattanto questo lavoro meritarsi l’unanime suffragio di tutti i cortesi nostri lettori. La ricordanza di tanti fatti che vi si contengono li chiamerà certamente a molte e gravi considerazioni!

G. B. C.