Pagina:Notizie del bello, dell'antico, e del curioso della città di Napoli.djvu/89

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 91 —

de’ ricchi e de’ nobili si contentasse delle opere patriote, non vi sarebbe bisogno delle forestiere.

    dell’altro che si forma a mano a mano dal disfacimento delle lave poco compatte e dalle scorie del Vesuvio; e questo per gran tratto di quel monte è affatto sterile. La varia conformazione di una contrada e la sua altezza sul pelo delle acque, mutando di tratto in tratto la natura del suolo e la qualità dell’aria, rispetto alla temperatura ed umidità, accresce primieramente la estensione del paese, e porge stanza e dimora a molti e differenti vegetabili trovandovisi allora varie stazioni siccome dicesi nella scienza, ossia luoghi diversi acconci a produrre svariata vegetazione. Or siffatti luoghi presso Napoli sono principalmente; il mare — le spiagge — le acque dolci — gli orti che si dicono volgarmente paludi, posti tra il Vesuvio e Capodichino — le praterie, come che poche e molto ristrette — le macerie— i luoghi colti — i luoghi sabbiosi, e quegli sterili a pie del Vesuvio — i boschi e le selve cedue — le colline, a principiare da Capodichino ai Camaldoli — le montagne — quella di Somma che si eleva sul mare circa 2600 piedi.
       In tanti e siffatti luoghi del distretto di Napoli nascono spontaneamente poco più che novecento piante fanerogame, numero invero assai grande, quando si considera la poca estensione della contrada, l’essere in gran parie coltivata o impedita da selve cedue, e l’avere il Vesuvio incapace di qualunque vegetazione intorno al cono, e sterile per gran tratto delle sue falde.
       I paesi vicini hanno molte spezie di piante comuni, e quelle che sono differenti, spesso convengono nel portamento (habitus) ed in una tal quale ciera di famiglie. E simigliantemenie avviene tra paesi alquanto lontani, posto che il clima sia lo stesso o poco differente, e le vie aperte alla migrazione de’ vegetabili. Perciò la flora de’contorni di Napoli, comechè scarsa per le ragioni testè mentovate, ha moltissima attenenza sia nella spezie, sia nella somiglianza delle forme delle differenti spezie, con le flore de’ paesi posti intorno al mediterraneo e delle isole che si trovano in cotesto mare. Niuna spezie ci ha che non si trovasse altrove; ma alcune spezie, che in altri paesi hanno certa e più littìitata dimora, presso Napoli per contrario si distendono salendo per colli e