Pagina:Notizie sulla Guerra della Indipendenza d'Italia (Monitore Toscano).djvu/114

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

114

« Io andrò fra breve a pormi alla testa dell’esercito. Lascio in Francia l’imperatrice e mio figlio. Secondata dall’esperienza e dai lumi dell’ultimo fratello dell’Imperatore essa saprà mostrarsi all’altezza della sua missione.

« Io gli affido al valore dell’esercito che resta in Francia per vegliare sulle nostre frontiere, come per proteggere il domestico focolare; gli affido al patriottismo della guardia nazionale; gli affido finalmente a tutto il popolo che li circonderà di quell’amore e di quella devozione di cui ricevo ogni dì tante prove.

« Coraggio dunque e unione! Il nostro paese mostrerà ancora al mondo ch’esso non ha degenerato. La Provvidenza benedirà i nostri sforzi, poichè santa è agli occhi d’Iddio la causa che s’appoggia sulla giustizia, sull’umanità, sull’amor della patria e dell’indipendenza.

« Palazzo delle Tuilleries, 3 maggio 1859.

« Napoleone. ».


N. IV.
Monit. N. 112


Comando delle R. Navi Marineria Sarda in Toscana.

10 Maggio 1859

Ordine del giorno. – Noi siamo in terra che poc’anzi contavamo straniera, ma per il