Pagina:Notizie sulla Guerra della Indipendenza d'Italia (Monitore Toscano).djvu/122

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

122

potenza, si proponeva per unico scopo di avere a’ suoi confini un popolo amico che le dovrà la sua rigenerazione.

Se Iddio ci protegge e ci da la vittoria, l’Italia si costituirà liberamente, e contando oramai fra le nazioni, rassoderà l’equilibrio dell’Europa.

Pensate che nessun sacrifizio è troppo quando l’Indipendenza deve essere il prezzo dei vostri sforzi; coll’unione, colla moderazione, coll’energia, mostrate al mondo che siete degni di esser liberi.

Il Principe comandante in capo del 5.° corpo dell’Esercito d’Italia


N. XI.
Monit. N. 125

Marengo, 18 Maggio.

Ordine del giorno. « Soldati della Guardia! La guerra è scoppiata fra la Francia e l’Austria; fra pochi giorni l’Imperatore verrà a mettersi alla nostra testa, e ci condurrà sopra quelle pianure ove i nomi d’Arcole, di Lodi, e di Marengo, vi ricorderanno le glorie dei vostri padri; voi vi mostrerete degni di loro, e degni del nome glorioso che voi portate.

« Voi darete all’armata l’esempio dell’intrepidezza nel pericolo, dell’ordine e della disciplina nelle marce, di calma e moderazione nei paesi in cui entrerete. La memo-