Pagina:Nova polemica.djvu/168

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
140 nova polemica.

O bianche nubi che ne ’l ciel turchino
come fiocchi di lana il vento spinge,
perchè nova un’angoscia il cor mi stringe
quando lassù vi guarda il mio bambino,

ed un desio mi assal che ne ’l divino
azzurro a figger gli occhi mi costringe,
un desio di tentar l’ignota sfinge
che l’avvenir conosce e il mio destino?

Ma no, bambino mio, non ci diranno
queste nuvole bianche il gran mistero,
e, come noi, se viva Iddio non sanno.

Io stanco scenderò ne ’l cimitero,
i tuoi riccioli biondi imbiancheranno,
povero bimbo, e non sapremo il vero.