Pagina:Novelle cinesi tolte dal Lung-Tu-Kung-Ngan.djvu/14

Da Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

severo giudice delle colpe, malgrado quel po’ di ridicolo che talora può destare nei lettori italiani, dirò anzi negli europei, la figura del buon magistrato orientale.

Il Lung-tu-kung-ngan può, così alla prima, esser paragonato al nostro Decameron. Il libro cinese, come l’opera del Boccaccio, è diviso in dieci parti, ciascuna delle quali comprende dieci novelle. Queste cento novelle, al pari delle cento di Messer Giovanni, hanno molta libertà di linguaggio e vivacità di espressioni nel descrivere fatti non di rado bastantemente lascivi, ma hanno sempre a fine un pensiero morale; e le cinesi spesso burlano e sferzano i costumi, non illibati sempre, dei frati buddisti, allo stesso modo che quelle del novelliere fiorentino burlano e sferzano i costumi dei nostri. Certo però questo paragone non è che apparente; imperocchè chi abbia studiato nell’opera del Boccaccio l’arte stupenda di questo gran trecentista, non tanto nel maneggiare la lingua elettissima del suo secolo, e lo stile potente anche quando non privo di mende, quanto nell’immaginare, disporre e dar vita vera alle varie novelle, che poi raccolte