Pagina:Nuovi poemetti.djvu/119

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

TRA LE SPIGHE


i


Il grano biondo sussurrava al vento.
Qualche fior rosso, qualche fior celeste,
3tra i gambi secchi sorridea contento.

Pendeano li agli e le cipolle in reste.
S’udian, mutata alfin la voce in gola,
6cantar galletti, altieri delle creste.

Tessea le spighe dello spigo a spola
la cara madre, per i suoi rotelli
9del banco grande e per le sue lenzuola.

Fioria la zucca, arsivano i piselli,
nell’orto. Le ciliege erano andate:
12per San Giovanni avevano i giannelli.

C’erano già le mele dell’estate,
c’erano le susine di San Pietro.
15Fatte via via più lunghe le giornate,

il sole, stanco, ritornava indietro.