Pagina:Occhi e nasi.djvu/100

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 99 —

pita; e l'autore novellino, senza mettere tempo in mezzo, va a cercarlo fino a casa e gli presenta il copione.

Col fare disinvolto dell’uomo avvezzo, il capocomico dà subito un'occhiata al numero dei personaggi, che entrano nella commedia, e un’altra occhiata all'ultima scena finale; poi dice solennemente:

— È un bel lavoro! un lavoro coi fiocchi! Ma.... lei ha fiducia in me?

— Si figuri!

— Allora le dirò che bisognerebbe fare un piccolo cambiamento.

— Quale?

— Vedo che nella sua commedia vi sono quattro donne, e io, presentemente, non ho disponibili in Compagnia che tre donne sole, perchè la prima Ingenua è incinta di nove mesi....

— E allora come si fa?

— Ci vuol poco. Si sopprime nella commedia una donna, e si mette invece un uomo. Guardi qui: invece di questa Emilia, facciamo un Emilio, e tutto è accomodato.

— Lei dice bene, ma la commedia non cammina più.

— Perchè non cammina? Ha fiducia in me?

— Si figuri!

— Dunque mi lasci fare. Tutte le commedie camminano: basta saperle mandare. Io, per sua regola, ne ho fatte camminare di quelle, che non avevano nemmeno le gambe! Ci crede?

— Lo credo!