Pagina:Occhi e nasi.djvu/174

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 173 —


Maestro. — Che ha ricevuto qualche sgarbo?

Adolfo (risentito). — Gli è da stamani in poi che Gigino mi chiama Clericale.

Maestro. — Perchè Clericale?

Adolfo. — Si figuri! perchè ho portata il salame della merenda rivoltato nell’Uniità Cattolica! Pare che l’Unità Cattolica la compri io! Gli è il mi’ babbo che la compra.

Gigino. — Vuol dire che il tu’ babbo gli è un clericale.

Adolfo. — Clericale?... (con orgoglio). Per tua regola, il mi’ babbo gli è più Crispi anche di’nNicotera!

Maestro. — Finiamola, dico.

Adolfo (sottovoce). — Lascia fare! t’aspetto fuori di scuola!

Gigino. — Vien via; non fare il Bismacche! A lasciarti discorrere, tu picchi sempre, e poi non concludi nulla.

Orazio (urlando di fondo). — Signor maestro! signor maestro!

Maestro (aggiustandosi gli occhiali sul naso). — Che cosa c’è di nuovo laggiù?

Orazio. — Raffaello m’ha strappato una ciocca di capelli. Ih! ih!... (piange).

Maestro (a Raffaello). — Perchè gli hai strappato i capelli?

Raffaello. — Gua’! perchè m’ha dato un pizzicotto!

Maestro. — Dove?

Raffaello (toccandosi la parte offesa). — Qui!

(Tutti ridono).