Pagina:Occhi e nasi.djvu/175

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 174 —


Raffaello. — — C’è poco da ridere.

(Tutti ridono più forte).

Maestro. — Monelli, facciano silenzio, o se no...

Carlino. — Farò sgombrare le tribune.

Maestro. (voltandosi). — Si cheti lei!

Carlino. — Che ho detto qualche cosa di male?

Maestro. — Come c’entrano qui le tribune?

Carlino. — Dicono così anche alla Camera.

Maestro. — Ma qui non siamo alla Camera.

Carlino (da sè). — Bada lì! ci scatterà dimolto.

Maestro. (a Orazio e Raffaello). — Sentiamo dunque quale è stata la cagione del litigio.

Orazio. — Il primo gli è stato lui!

Raffaello. — Nossignore, gli è stato lui!

Orazio. — Giuralo, se t’ha core!

Raffaello. — Giurare, gli è da monelli! L’uomo onesto giura, eppoi fa quel che gli pare; non è vero, signor maestro?

Orazio. — Sei stato tu il primo a insultarmi.

Raffaello. — Io?...

Orazio. — Sissignore! Tu m’hai dato di pagnottista.

Raffaello. — Bella forza! Tu se’ figliuolo di un fornaio!

Orazio. — Che credi di offendermi? I fornai prima che inventassero l’Italia, erano un’Arte bianca; non è vero, signor maestro?

Leonzio (mettendo bocca nel diverbio). — Sì, sì: un rompicollo come Raffaello, per mettere i Soprannomi, non c’è l’eguale.

Giuggiolino (piagnucolando). — Anche a me mi chiama Pareggio!