Pagina:Occhi e nasi.djvu/204

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 203 —

vivacità sulle sonanti costole dei cerimoniosi giumenti.

Ma questi erano passatempi elementari e divertimenti modestissimi di un tempo, in cui i fiorentini passavano per tanti filosofi di buon umore facilissimi a contentarsi, e ai quali, per essere la gente più beata e felice di questa terra, bastava un palio di barberi, il Corpo delle leggi leopoldine, in quarto d’agnello coi piselli mangiato alle Cascine per l’Ascensione, e una Granduchessa che partorisse almeno due volte l’anno.

Oggi, dopo la quadratura del circolo, non c’è un altro problema tanto difficile a sciogliersi, quanto quello di divertire e di tenere allegri i fiorentini apocrifi dell’ultimo scorcio dei secolo decimonono.


Una vecchia antipatia.


Fosse mitezza d’animo o leggiadria d’ingegno o raffinatezza d’incivilimento o qualche altra quisquilia rettorica, fatto sta che i fiorentini, fra i varj popoli dello Stivale, furono i primi a gridare abbasso la ghigliottina.

Questa loro antipatia per la pena capitale apparve in ogni tempo così diffusa e pervicace, che lo stesso Granduca, ricordandosi che in fin dei conti egli non era altro che un forestiero a Firenze, dovè rassegnarsi a quel proverbio che dice «paese che vai, usanza che trovi» e finì anche lui col non parlar più nè del boia nè d’altre porcherie.