Pagina:Occhi e nasi.djvu/216

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 215 —


— Ti posso dare un piede..Se mi chino per darti una mano, non mi rizzo più neanch’io.

— Allora fammi un piacere: raccattami il sigaro, che m’è cascato là nel rigagnolo, e mettimelo in bocca.

— (raccattando il sigaro). Da’ retta: gli è cascato nel fradicio.

— Nel fradicio?... che rob’ella?

— Mi pare, all’odore che la sia la saponata del parrucchiere qui di faccia. Che te ne giovi?

— Sicuro, eh! Anche la saponata l’è una creatura di Dio, ne convieni? (sdraiandosi supino sul lastrico). Guarda come gli è bello il cielo del firmamento! Vedi Pistagna: tu potresti metterti a sedere costa sul marciapiede, e raccontarmi la storia dell’altra sera, quando andasti al teatro. Dimmi, tu sarai andato in lubbione, eh?

— In lubbione! To’ madre misera! Io per tu’ regola, quando vado al teatro, vado sempre in platea, come fanno i signori.

— Vien via; ma ti pajon musi codesti da rigirarsi due lire per andare alla musica?

— Già si comincia a dire che al teatro Pagliano io non spendo nulla.

— O com’è che tu passi a scapaccione?

— Gli è più di venti anni che sono amico del Professore.

— Di chi Professore?

— Gua’: di Pagliano, di quello del siroppo.

— O perchè tu eri amico?

— Perchè quando facevo il parrucchiere, lo servivo io.