Pagina:Odi di Pindaro (Romagnoli) I.djvu/271

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
234 LE ODI DI PINDARO


gloria per Arcesilào, progenie
loro, che Febo dall’arco d’oro deve esaltare


Antistrofe

con la canzone dei giovinetti:
ch’ebbe, in compenso dei suoi dispendi,
l’inno di Pito.
I saggi onorano quest’uomo; ed io
quello che dicono
dirò: che nutre
parola e senno maggior degli anni:
per l’ardimento
è come l’aquila fra gli altri augelli:
è negli agoni solida torre:
sin dalla nascita penne gli crebbero
per l’arti musiche: saggio di cocchi maestro or pare.


Epodo

E quante indigene strade si schiudono d’eccelse prove,
tutte affrontava. Benigno il Dèmone
sinora fausto
gli diede l’esito. Deh, fate, o Superi,
che nei consigli, nell’opre, simile
sia l’avvenire. Né mai la vita,
gli strugga soffio vernal che i frutti
macera. Giove dà norma al Dèmone
dei suoi diletti;
ond’io lo prego che pur l’olimpico
fregio alla stirpe doni di Batto.