Pagina:Odi di Pindaro (Romagnoli) II.djvu/46

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ODE ISTMIA I 43



Epodo

Possa or delle dive Pierie su l’ali fulgenti levarti
a volo sublime da Pito, dai giuochi d’Olimpia. velata
la mano dei serti d’Alfeo le porte di Tebe ,
coprendo d’onore. — Chi asconde ricchezza in sua casa
e gli altri deride, ha promesso all’Ade il suo spirto, privo
di fama; e noi sa.

Odi di Pindaro (Romagnoli) II-0046.png