Pagina:Odi e inni.djvu/228

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
202 note

che sono per voi. Io aggiungo questa ragione morale. L’Italia, io dico, commetterebbe (perciò non la commetterà!) una cattiva azione se rendesse mal per bene, se facesse ripentire i suoi figli di ciò che hanno operato con prudenza e sapienza, se frodasse le economie, se annullasse, per dir così, il testamento d’un buon povero popolo che ha pensato all’avvenire.

Per il figliuol prodigo fu ucciso il vitello grasso: sta bene: ma Gesù non dice che il padre diseredasse a dirittura il figlio savio, per arricchire quell’altro. L’Italia da questa piccola contrarietà (piccola, perchè i rimedi son tanti!) deve imparare qualcosa: deve rivestire i suoi monti, già spogliati dalla spensierata ingordigia dei possessori, se vuol da per tutto ciò che, per provvidenza, per disinteresse, per virtù dei maggiori, è qui in Val di Serchio: le acque per la sete degli uomini e dei campi, le acque per le industrie che redimeranno la nazione. Ma l’Italia non deve pensare, e già forse non pensa più (giova sperare), ad acconsentire che chi ha arato, seminato, roncato, con tante spese e fatiche e traversie e strettezze, si veda, quando è finalmente per segare il grano, toglier di mano il falcetto, e si senta dire: Mieto io!

A CIAPIN. Fu stampata una lettera del Galliano a questo suo buon amico, nella quale gli raccomandava con eroica letizia che serbasse a lui qualche bottiglia per quando venisse «in licenza»!

IL RITORNO. Questo poemetto epico-lirico, che io chiamai già, come il seguente, episodio, e anche cantata, fu musicato dal giovane egregio Riccardo Zandonai, Trentino, allievo di Pietro Mascagni. Le parti narrative erano interpretate, secondo la mia intenzione, dall’orchestra.