Pagina:Odi e inni.djvu/229

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

note 203

IL SOGNO DI ROSETTA. Fu musicato dal maestro Carlo Mussinelli di Spezia, un cieco veggente; ed eseguito molto bene a Barga. Lo dedicai al genialissimo musicista con questa lettera:

Caro Mussinelli,

voi siete un giovane aedo, quale un aedo di quell’Omero che tanto amate, dice sè stesso:

per gli dei e per gli uomini io canto:
sono maestro a me io, chè un dio m’ha sparso nel cuore
tutta uno messo di conti . . .

E voi assomigliate anche a un altro aedo omerico: a quello de’ Feaci. E io? Io sono l’araldo, non più nè meglio che l’araldo.

Venne da presso l’araldo col cantatore diletto . . .


che siete voi: invero

tanto la Musa l’amò! e gli diede ed un bene ed un male:
tolsegli il raggio degli occhi, gli diede la gioia del canto.

E l’araldo pone all’aedo, in mezzo al convito, un seggio adorno di borchie d’argento (a dir vero, quello che io v’ho posto, non è un seggio o trono: è una sedia... di Barga); lo appoggia alla lunga colonna, e gli mostra come prenderla con le mani.

Così, presso a poco, ha fatto l’araldo: e voi avete presa la cetra e la Musa v’ha eccitato a cantare.

E ora vi offro il vostro libretto... A dir meglio, continuo a tradurre dal vostro Omero: