Pagina:Opere complete di Galileo Galilei XV.djvu/315

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

poesie. 297

Se tu vai ’n Toga, non ti si conviene
     Il portar un vestito che sia frusto,
     186Altrimenti la cosa non va bene;
Perchè mostrando tutto quanto il fusto
     Della persona giù lunga e distesa,
     189Bisogna che tu faccia il bell’imbusto,
E così viene a raddoppiar la spesa;
     E questa a chi non ha molti quattrini
     192È una dura e faticosa impresa.
Non ci vuol tanti rasi od ermisini,
     Quando tu puoi portare il ferrajolo,
     195Basta aver buone scarpe e buon calzini.
Il resto, quando e’ sia di romagnolo,
     Non vuol dir nulla; sebben par che questa
     198Sia una sottigliezza da Spagnolo.
E non importa che tu ti rivesta,
     E che tu faccia differenza alcuna,
     201Che sia dì di lavoro o dì di festa.
Sia di nero o di bianco, tutt’è una;
     Tu non ha’ a mutar foggia a tutte l’ore,
     204Nè più nè manco come fa la Luna.
Se per disgrazia un povero Dottore
     Andasse in Toga, e fusse scompagnato,
     207Ci metterebbe quasi dell’onore;
E se non è da trenta accompagnato,
     Mi par sempre sentir dir le brigate:
     210Colui è un ignorante e smemorato.
Talchè sarebbe meglio il farsi frate;
     Che almanco vanno a coppie, e non a serque,
     213Come van gli spinaci e le granate.
Però chi dice lor: beati terque,
     Non dice ancor quanto si converrebbe,
     216E saria poco a dir terque, quaterque.