Pagina:Opere di Luciano voltate in italiano da Luigi Settembrini - Tomo 1.djvu/292

Da Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
284 dialoghi dei morti.


Diogene. Non altro che questo: ammoniscili che smettano le inezie, e il contender degli universali, e il mettersi le corna tra loro, e il far coccodrilli, o il riempir la mente di quistioni difficili.1

Polluce. Ma mi diranno che io sono un ignorante ed uno sciocco che biasimo la loro sapienza.

Diogene. E tu di’ loro da parte mia, che piangano.

Polluce. Riferirò anche questo, o Diogene.

Diogene. Ed ai ricchi, o carissimo Polluce, porta anche quest’ambasciata da parte nostra: Perchè, o sciocchi, serbate l’oro? perchè defraudate voi stessi, calcolando usure, e ponendo talenti sovra talenti, se tra poco non vi bisogna più d’un obolo per venir qui?

Polluce. Lo dirò anche a costoro.

Diogene. E di’ ai leggiadri ed ai forzuti, come a Megillo di Corinto, e a Damasseno il palestrita, che tra noi non ci ha più nè chiome bionde, nè occhi cilestri o neri, nè l’incarnato del volto; non ci ha nè valide membra, nè omeri robusti; ma di’ che siam tutti zucconi, teschi nudi di bellezza.

Polluce. Non mi grava dir questo anche ai leggiadri ed ai forzuti.

Diogene. Ed ai poveri (i quali son molti, e stentano, e si dolgono della miseria) di’ che non piangano e non si lamentino: racconta loro come qui siam tutti d’una condizione, e come ci vedranno i ricchi non punto migliori di loro. E piacciati di sgridare da parte mia i tuoi Spartani, e dire che sono divenuti altri.

Polluce. No, o Diogene: non mi commetter nulla per gli Spartani. Ad essi no; agli altri riferirò quel che mi hai detto.

Diogene. Lasciamoli, giacchè così vuoi: ma non ti smenticare quello che t’ho commesso per gli altri.


  1. Allude al dilemma, detto anche argomento cornuto, e ad una specie di sillogismo detto del coccodrillo, del quale vedi un esempio nella Vendita.