Pagina:Opere di Mario Rapisardi 5.djvu/199

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Febo e Diana che su’ boschi hai possa,
    Chiaro ornamento al ciel, sempre onorandi
    Ed onorati, i preghi nostri udite
            Nel tempo sacro,

5In cui dal sibillin verso è prescritto,
    Che agli Dei, cui son cari i sette colli,
    Vergini elette e giovinetti casti
            Dicano un canto.

Fecondo Sole, che su l’aureo cocchio
    10Apri e nascondi il giorno, e vario, uguale
    Sorgi, deh, nulla mai veder tu possa
            Maggior di Roma!