Pagina:Opere di Mario Rapisardi 5.djvu/252

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
252 La IV Ecloga di Virgilio

Ed avanzar dei grandi mesi il giro.
     Te duce, l’orme delle colpe nostre,
     S’altra ne resti, andran disperse, e fia
     Dal perpetuo timor libero il mondo.
20Vita divina Egli vivrà; co’ numi
     Vedrà misti gli eroi; sarà da loro
     Veduto anch’egli, e l’universo in pace
     Governerà con le virtù paterne.
A Te, fanciullo, effonderà la terra
     25Spontaneamente i suoi piccioli doni:
     Erranti edere e nardo e in un commista
     La colocasia col ridente acanto.
     Riporteran le capre al noto ovile
     Da sè le mamme turgide di latte;
     30Nè più gli armenti tremeran gl’immani
     Leoni. A te germoglierà la culla
     Fiori soavi; periran le serpi,
     Morran le velenose erbe fallaci,
     Ed ovvio nascerà l’assirio amomo.
     35Ma non appena degli eroi la lode
     E del padre potrai legger le geste
     Ed imparar che sia virtù, di molli
     Spiche biondeggeranno a poco a poco
     I campi; tra’ selvatici spineti
     40Purpurea penderà l’uva, e le dure
     Roveri suderan roridi mieli.