Pagina:Opere di Mario Rapisardi 5.djvu/47

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Libro primo, Ode XXVI. 47


Alla tua volta or piangi agli arroganti
    Ganzi già vecchia nel chiassuol deserto
    Spregiata, quando all’interlunio il tracio
            12Vento imperversa,

Ed a te amore fiammeggiante e foja,
    Qual de’ cavalli agitar suol le madri,
    Nell’ulceroso fegato insevisce,
            16Non senza pianto

Che più d’edera verde e nericante
    Mirto l’allegra gioventù si piaccia,
    E al compagno del verno euro consacri
            20L’aride frondi.


XXVI.


Caro alle Muse tristezze ed ansie
    Ai venti audaci portar nel cretico
        Mar lascio; qual re sotto l’Orsa
        4Impauri le gelide steppe,