Pagina:Opere di Mario Rapisardi 5.djvu/70

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
70 Le Odi di Orazio


L’avido spirto dominando, avrai
    Regno più vasto, che se Libia a’ Gadi
    Remoti aggiunga, e l’un Punico e l’altro
            12Serva a te solo.

Cresce indulgendo a sè l’idrope fiera,
    Nè il sitir caccia, ove del morbo il seme
    Via da le vene e l’egro umor dal corpo
            16Scialbo non fugga.

Toglie Virtù da la beata schiera
    Fraàte che di Ciro al soglio torna;
    E, al vulgo avversa, al popol disinsegna
            20Usar le false

Voci, securo regno e díadema
    E proprio alloro a quell’un solo offrendo.
    Che guardi senza bieco occhio le ingenti
            24Ricchezze accolte.