Pagina:Opere di Mario Rapisardi 5.djvu/83

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Libro secondo, Ode XI. 83

XI.


Ciò che il guerriero Cantabro mediti,
    Irpino Quinto, ciò che dall’Adria
        Frapposto lo Scita diviso,
        4Non cercar, non tremare al pensiero

D’angustíosa vita: s’involano
    Gioventù fresca e beltà all’arida
        Canizie, che amori lascivi
        8Ed agevoli sonni discaccia.

Non sempre i fiori d’april pompeggiano;
    Non sempre a un modo rosseggia nitida
        La luna: in propositi eterni
        12A che l’anima breve affatichi?

O perchè, all’ombra d’un alto platano
    Ovver di questo pino sdrajandoci,
        Odorati di rose il crin bianco,
        16E di nardo d’Assiria soffusi,