Pagina:Opere di Niccolò Machiavelli II.djvu/129

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

valentino 119

E benchè Vitellozzo stesse assai renitente, e che la morte del fratello gli avesse insegnato, come e’ non si debbe offendere un Principe e dipoi fidarsi di lui, nondimanco persuaso da Pagolo Orsino, suto con doni e con promesse corrotto dal Duca, consentì ad aspettarlo. Donde che il Duca davanti, che fu a’ dì xxx. di Decembre mdii. che doveva partire da Fano, comunicò il disegno suo a otto de’ suoi più fidati, trai quali fu Don Michele e Monsignor d’Euna, che fu poi Cardinale, e commise loro che subito che Vitellozzo, Pagolo Orsino, Duca di Gravina, e Oliverotto gli fus­sino venuti allo incontro, che ogni duoi di loro mettessino in mezzo uno di quelli, consegnando l’uomo certo agli uomini certi, e quello intrattenessino infino in Sinigaglia, nè gli lasciassino partire, fino che fussino pervenuti allo alloggiamento del Duca, e presi. Ordinò appresso che tutte le sue genti a cavallo ed a piedi, che erano meglio che duemila cavalli e diecimila fanti, fussino al far del giorno la mattina in sul Metauro, fiume discosto a Fano a cinque miglia, dove lo aspettassino. Trovatosi adunque l’ultimo di Decembre in sul Metauro con quelle genti, fece cavalcare innanzi circa dugento cavalli, poi mosse le fanterie, dopo le quali la persona sua con il resto delle genti d’arme. Fano e Sinigaglia sono due città della Marca poste in sulla riva del mare Adriatico, distante l’una dall’altra quindici miglia; talchè chi va verso Sinigaglia ha in sulla mano destra monti, le radici de’ quali in tanto alcuna volta si ristringono col mare, che da loro all’acqua resta uno brevissimo spazio, e dove più si allargano non ag­giugne la distanza di due miglia. La città di Sinigaglia da queste radici de’ monti si discosta poco più che il trarre d’un arco, e dalla marina è distante meno d’un miglio. A canto a questa corre un piccolo fiume, che le bagna quella parte delle mura, che è in verso Fano, riguardando la strada. Pertanto chi propinquo a Sinigaglia arriva, viene per buono spazio di cammino lungo i monti, e giunto al