Pagina:Opere di Niccolò Machiavelli II.djvu/159

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

149

RITRATTI

DELLE COSE DELL’ALAMAGNA

COMPOSTI PER

NICCOLÒ MACHIAVELLI


DElla potenzia dell’Alamagna alcuno non debbe dubitare, perchè abbonda di uomini, di ricchezze e di armi. E quanto alle ricchezze, non vi è comunità che non abbia avanzo di danari in pubblico: e dice cia­scuno che Argentina sola ha parecchi milioni di fiorini. E questo nasce perchè quelle non hanno spese che tragghino loro più danari di mano che quelle fanno in tenere vive le munizioni; nelle quali, avendo speso un tratto, nel rinfrescarle spendono poco, e hanno in questo uno ordine bellissimo, perchè hanno sempre in pubblico da mangiare, bere, e ardere per uno anno; e così da lavorare le industrie loro per potere in una ossidione pascere la plebe e quelli che vivono delle braccia, per uno anno intero sanza perdita. In soldati non spendono, perchè tengono uomini loro armati e esercitati; e li giorni delle feste, in cambio di giuochi, chi si esercita collo scoppietto, chi colla picca, e chi con una arme, e chi con una altra, giocando tra loro onori, e simili cose. I quali tra loro poi si godono in salari, e in altre cose spendono poco. Talmente che ogni comunità si trova in pubblico ricca.

Perchè li popoli in privato sieno ricchi, la ragione è questa,