Pagina:Opere di Niccolò Machiavelli II.djvu/163

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

dell'alamagna. 153

favore dell’Imperatore, in modo che gli Arcivescovi Elettori, ed altri simili non possono niente nelle comunitadi grosse proprie. Di che ne è nato, che loro nè intra le loro terre, sendo divise insieme, non possano favorire le imprese dell’Imperatore quando bene volessino. Ma vegnamo alle comunitadi franche et Imperiali, che sono il nervo di quella provincia, dove sono danari, e l’ordine. Costoro per molte cagioni sono per essere fredde nella loro libertà, non che di acquistare imperio; e quello che non desiderano per loro, non si curano che altri lo abbia. Dipoi, per essere tante, e ciascuna fare capo da per sè, le loro provisioni, quando le vogliono fare, sono tarde, e non di quella utilità che si richiederebbe. E in esempio ci è questo, che non molti anni sono gli Svizzeri assaltarono lo stato di Massimiliano e la Svevia. Convenne sua maestà con queste comunitadi per reprimerli, e loro si obbligarono tenere in campo xiv. mila persone, e mai vi se ne accostò la metà; perchè, quando quelli di una comunitadi venivano, li altri se ne andavano. In modo che l’Imperadore, disperato di quella impresa, fece accordo con li Svizzeri e lasciò loro Basilea. Ora se nelle imprese proprie gli hanno usato termini simili, pensate quello farieno nelle imprese d’altri. Donde messe queste cose tutte insieme, fanno questa loro potenza tornare piccola, e poco utile all’Imperadore. E li Veneziani per il commercio ch’egli hanno colli mercanti delle comunità della Magna, in ogni cosa ch’egli hanno avuto a fare o trattare con l’Imperadore, l’hanno intesa meglio che nessuno altro, e sempre sono stati in sull'onorevole. Perchè s'egli avessino temuto questa potenza, avrieno preso qualche sesto o per via di danari o col cedere qualche terra, e quando egli avessino creduto che questa potenza si potesse unire, non se li sarieno opposti. Ma sapendo questa impossibilità, sono stati sì gagliardi, sperando nelle occasioni. E però se si vede che in una città le cose che appartengono a molti sono stracurate, tanto più debbe