Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo I.djvu/208

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
174

ai coloni, ai possessori di campi, ai cultori delle discipline liberali, ai mercatanti, ai naviganti d’ogni specie, agli artefici, alla turba forense e teatrale, e a tutti quelli finalmente, i quali ebbero a partecipare dei danni di tante classi di persone. Ma giusto é aggiugnere che scempio egli facesse de’ poveri, e della tanta turba giacente nella estrema miseria; giacché di quanto facesse contro i sacerdoti parlerò poi in appresso.

Giustiniano, come ho soventi volte detto, a suo guadagno avea tratto tutti i Fori, e ridotto a monopolio ogni cosa necessaria alla vita, estorcendone a tutti i sudditi un prezzo tre volte maggiore. Né in questo proposito potrei anche con lunghissimo discorso dire le cose che a me sono parute infinite. Sopra il pane che gli artigiani, i poveri, ed ogni magagnato miserabile é costretto a comprare, s’avea egli costituito un profitto, crudele e perpetuo, quale si era quello di trecento libbre d’oro ogni anno; sicché era quello un pane sordidissimo , e pieno di polvere: a tanta empietà avendo l’avarizia condotto quell’Imperadore. Quindi i prefetti dell’annona, presa occasione di guadagno, immense ricchezze accumularono per sé, e scarseggiando i generi, con maligna arte i poveri trassero inaspettatamente alla fame. E la ragione si é, che a nessuno era lecito procurarsi frumento, ma doveano tutti vivere di pane compro.

Videro questi due Imperanti, che rotto essendosi l’acquidotto, pochissima acqua veniva alla città; e non pertanto trascurarono di provvedere, non volendo spendere, sebbene accorrendo in gran folla il popolo per