Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo I.djvu/233

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

199
Svida ne’ Collettanei.

Procopio, illustre cesariense palestino, oratore e sofista, scrisse la Storia romana, cioé le guerre di Belisario; e le imprese fatte in Roma, e in Africa. Visse a’ tempi dell’imperadore Giustiniano, fu segretario di Belisario, e compagno di lui in tutte le guerre, e presente alle cose ch’egli narrò. Scrisse anche un altro libro intorno ai fatti di Giustiniano, il qual libro chiamasi gli Aneddoti (Storia segreta): sicchè i suoi libri sono nove. In questo libro contengonsi i vituperii, e le censure di Giustiniano e di Teodora sua moglie, come pure di Belisario e della moglie di esso.

Giovanni Zonara, tom. 3.

Procopio cesariense seguì Belisario, e le cose da questo operate in guerra narrò in otto libri.

Anonimo nella Cronaca vaticana.

Procopio cesariense, uomo illustre, compose in otto libri la Storia delle guerre fatte dal patrizio Belisario.

Niceforo di Callisto, lib. xvii, cap. 10.

I fatti di Giustiniano da Procopio cesariense sono stati scritti assai elegantemente e dottamente nella Storia de’ suoi tempi. Egli ne compose quattro volumi con uno stile che si approssima all’antichità: uno d’essi in-