Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo II.djvu/160

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
140 GUERRE PERSIANE LIBRO PRIMO


III. Dara intanto fu bersaglio di nuove sciagure per l’arroganza d’un tal fantaccino, detto Giovanni, il quale conspirando con altri pochi soldati alla tirannide occupò la città, e fortificatone il palazzo a guisa di rocca vi si difese quattro giorni contro le truppe; ed avrebbe al certo recato grave danno ai Romani, se questi fossero stati in guerra con la Persia, ma avendovi pace tra loro mancò il suo colpo. Nel quarto giorno della rivolta adunque le truppe animate dalle esortazioni del vescovo Manante1 e di Anastasio, ragguardevolissimo cittadino, deliberarono andare di meriggio e co’pugnali sotto le vesti al palazzo, ed arrivatevi uccisero le sentinelle a guardia dell’uscio, dopo di che inoltratesi debellarono il tiranno. Altri però vogliono che la gloria di quest’azione debbano i guerrieri dividere con un cuoco loro seguace, il quale, vedutili nel vestibolo a mancar di coraggio, saltò dentro col suo coltello in mano, e trafisse all’improvvista Giovanni. Aggiungono di più che questi non gravemente ferito, e datosi, ridendo, alla fuga incappasse nella truppa, la quale, agguantatolo, incendiò tosto il palazzo acciò altri non avesse più a valersene per cosiffatti maneggi. Il reo fu poscia condotto in carcere, dove per tema non qualche suo complice, sapendolo ancor vivo, tornasse a sconvolgere la pubblica tranquillità, si fece morire; e di tal modo ebbe immediatamente fine tutta la sommossa.

  1. (1) Mammea, Mamma, Mamante, secondo altri autori.