Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo II.djvu/237

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LIBRO SECONDO 215


III. Nessuno può accostarsi alla città vuoi dal lato, marino, vuoi dal lato della scogliera, ed avvi un solo adito angustissimo tra due monti, del quale profittarono i suoi fabbricatori, desiderando munirla da questa banda , per innalzare un’ gran muro da poggio a poggia avente alle sue estremità due torri di sasso ben duro e non cedente all’ ariete. Il nemico pertanto minata una di esse torne levatevi dalle fondamenta molte pietre la puntellò, e compiuto il lavoro mise a fuoco i sostegni. Consumatosi ben presto il legname, precipitò l’intiero edilizio , accordando ai suoi difensori appena il tempo di campare la vita: i cittadini veduto il portentosissimo effetto di quell’artificio capitolarono, arrendendosi a patto di non soggiacere a morte ed alla perdita dei patrimonj loro. Di tal guisa il Persiano conquistò Pietra e con essa tutti i tesori lasciativi da Giovanni ; guardossi nondimeno dal metter mano sopra gli averi de’ cittadini, scrivendo unicamente nel ruolo delle sue truppe una parte de’ soldati prigionieri.


CAPO XVIII.
Belisario a Nisibi. — Suo parlamento alle truppe. — Nabade assalisce i Romani.

I. Trascorrendo il tempo dall’ assedio alla capitolazione di Pietra , Belisario, di nulla consapevole, si partiva da Dara alla volta di Nisibi1, e pervenuto ad

  1. (1) Situata tra il monte Masio ed il fiume Tigri. Questa città,