Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo II.djvu/251

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LIBRO SECONDO 229

sacra e preziosa suppellettile del Gerosolimitano; nè ai Romani, duci e truppe, bastò l'animo di affrontarlo o di essergli molesti per la via, deliberando invece riparare ne’ luoghi muniti, e difenderli com’e’ potessero il meglio.

V. Se non che Giustiniano avvisato della spedizione di Cosroe elesse nuovamente Belisario a’ condottiero dell’esercito contro i Persiani, e questi partì di subito co’ pubblici cavalli per accelerare l'arrivo nel'Eufratesia. Divulgatasi la sua venuta, Giusto, nipote dell’imperatore, e Buze ed altri duci riparati entro Gerapoli inviarongli una lettera del tenore seguente:

VI. «Cosroe, ti è noto, marcia contro di noi alla testa d'un esercito ben più forte del primo: ignoriamo ancora dove tenda, ma e di certo da qui non lunge, e passa oltre non depredando la calcata regione. Se brami conservare la tua libertà per usarne a pro dell'imperatore, di noi stessi e de’ Gerapolitani non hai miglior partito a scegliere che quello di rinchiuderti entro queste mura». Belisario nondimeno, riprovando il consiglio e la pusillanimità loro, avviossi incontamente ad Europo1, castello presso dell'Eufrate, e raccolto l’esercito da ogni banda vi pose il campo; dopo di che tal riscrisse ai prefati duci.

VII. «Se Cosroe prendesse a guerreggiare uomini

  1. (1) Nominato da Plinio con queste parole: In Syria oppida, Europum, Tapsacum (lib. v).