Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo II.djvu/294

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
272 GUERRE PERSIANE

sercito retrocedette co’suoi cinquanta nel campo. Il comandante allora del presidio, mirane di grado, temendo perdere la città raccomandò alla truppa di stare in diligentissima guardia, e quindi partitosi venne a colloquio con Dasisteo, ed in esso promettevagli, usando parole finte e piene d’inganno, la cessione di Pietra; nè vi volle studio maggiore ad impedire che i Romani la conquistassero di forza.

II. Presentatosi frattanto Mermeroe alle gole delle montagne ed assalitivi gl'imperiali custodi ne fu vigorosamente respinto; le sue truppe non di meno ostinatissime nel volere ad ogni patto sforzarne il varco, e di continuo surrogando ai morti, dei quali contavanne oltra mille, nuovi combattenti, vittoriose da ultimo costrinsero il nemico ad una ritirata ed a campar la vita in cima de’ poggi. Ora Dasisteo al ricevere l'annunzio di sì grave sinistro levatosi immediatamente dall'assedio, e correndo all’insaputa dell’esercito al Fasi, primo il varcò; avvedutesene però le truppe subito gli furono dietro in mucchio, lasciando tutte le cose loro negli alloggiamenti. Il presidio in quella spalancò le porte e venuto di fretta al campo intraprese a saccheggiarlo. Ma i Zani quivi rimasti con fortissime grida e precipitosamente voltatisi contro de' barbari, molti ne uccisero, e gli altri inseguironli con le spade ai reni sino alla città; di poi, spogliate eglino stessi le tende romane, ritti marciarono a Rizeo, di là ad Atene, poscia in quel dei Trapezuntii, ed in fine alle case loro.

III. Correva il nono giorno dalla partenza del romano duce quando Mermeroe coll’esercito arrivato in