Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo II.djvu/395

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LIBRO PRIMO 371

dai terrazzani, la quale, fermandovisi le navi, non ne risparmierebbe neppur una, ed era la verità. Laonde raccolte nuovamente le vele e tenuto consiglio, deliberarono che non si andasse in verun conto a Mandracio senza ordine positivo di Belisario. Nè meno del lido e della tempesta paventavano l'angustia del porto in comparazione di cotanto navilio, e non fosservi ancora alla sua bocca tirate le catene. Ripensando in cambio ad un seno, come già scrivea, detto Stagno, non più che quaranta stadj lontano da Cartagine, vastissimo e di molto facile entrata, ove tutte le navi a loro bell'agio apporterebbero, vi si diressero ed occuparonlo dopo il tramonto. Il solo Calonimo con pochi altri fecesi di nascosto tradurre in Mandracio, e presa terra diede il sacco a tutti i fondachi de' mercatanti forestieri e cartaginesi ivi di stanza.

IV. Il giorno seguente Belisario fe dismontare le truppe delle navi, e ordinato l'esercito come se venir dovesse a giornata col nemico, marciò alla volta di Cartagine non libero da timore d'un qualche agguato. E prima di mettervi il piede molto raccomandò a ciascheduno la disciplina, mostrando loro i vantaggi per lei conseguiti di già nell'Africa; esortolli di più ad osservare una irreprensibile condotta soprattutto nella capitale, i cui abitatori per lo innanzi ligi dell'imperio, non giaceano che a lor malincorpo sotto la potenza de' Vandali, sofferendone ognora cattivissimi trattamenti; il perché a torto e con vitupero oltraggerebbesi un popolo cui si promette libertà e salvezza. Dopo le ammonizioni passò nella città, non incontran-