Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo II.djvu/427

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LIBRO SECONDO 403

rono l'ancora. Lo scriba allora sentendo Belisario in Cartagine vi spedì alcuni de' suoi, ammonendoli che pervenuti nella città rifuggissero in un tempio, e da quivi a suo nome, senza però dire ove si fosse, dichiarerebbero al Romano ch'egli custodiva i tesori di Gilimero e ch'era pronto a fargliene la consegna quando riportato avesse la certezza di poter quindi partire libero e con tutti i proprj averi. Belisario lietissimo della nuova e piegando generosamente alle istanze di colui mandò subito a pigliarne il possesso, lasciandogli, secondo il patto, la facoltà di mutar cielo con quante, e non poche, delle cose fidategli e' seppe furbescamente sottrarre.


C A P O V.
La Sardegna, la Corsica, la mauritana Cesarea, il forte Settense, le isole Ebuso, Malarica e Minorica assoggettate nuovamente all’Imperio Romano. — Belisario domanda ai Goti il promontorio Lilibeo. — Sua lettera e risposta di essi.

I. Dopo queste faccende Belisario tornato in Cartagine comandò a tutti i Vandali che si disponessero alla partenza, dovendo al venir di primavera essere tradotti in Bizanzio. Cominciò di poi a riordinare l’ esercito per togliere ai barbari quanto possedevano ancora di pertinenza romana, al qual uopo inviò di subito Cirillo con la testa di Zazone e con forte schiera nella Sardegna, rifiutandosi quelli isolani, timorosi dei Vandali e non