Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo II.djvu/511

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LIBRO SECONDO 487

berò senza più attendere di accingersi apertamente all'opera.

C A P O XXVI.
Gontari spaventa Areobindo e rendelo odioso alle truppe. — Questi fuggendo ripara entro una chiesa. — Quegli trattolo di là sopra la fide sua incontanente il tradisce.

I. Or bene il ribelle ingiuriò tosto di parole Areobindo, tacciandolo di codardia, di effeminatezza e di pusillamimità somma nel cimentarsi ad una battaglia, cagione di quella sua lentezza nello schierare l’esercito nulla stargli sì a cuore, aggiugnea, quanto l’abbandonarsi con Atanasio ad una improvvisa fuga, indifferentissimo del resto che la soldatesca muoia tutta consunta dalla fame o trucidata dalle barbariche spade. Promette in fine, avendone il comun suffragio, impossessarsi d’entrambi, e tenerli sotto buona guardia ( speranzoso che nel trambusto Areobindo sopraffatto dal timore si volgerebbe in fuga, o non partendosi avrebbe morto dagli stessi Romani ), e sborsare del suo ad ogni individuo lo stipendio arretratogli dal pubblico tesoro. Le truppe commendanne altamente i propositi, e biasimando il proprio duce muovono gli animi loro a odiarlo.

II. Poco stante arrivato colà Areobindo con seco Artabano e grandi scorte di guardie si fa accanita battaglia e dalle torri e dalla porta ov’era Gontari, nè cede per lunga pezza alcuna delle parti; dal campo