Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo II.djvu/514

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
490 GUERRE VANDALICHE
C A P O XXVII.
Gontari abbandonato da Antala. — Tradito da Artabano — Il quale è animato all’impresa dal nipote Gregorio. — Umanità di Gontari con la moglie e la sorella di Areobindo. — Truppe di Artabano contro i Maurusii.

I. La dimane Gontari mandò il capo dell’ucciso ad Antala, ma più non si diede pensiero alcuno del danaro e de’ soldati promessigli, la quale trasgressione dei patti tra loro non attagliava punto costui, e meno ancora e’ reputava onesta azione l'aver tolto di vita Areobindo con onta di sì venerandi giuramenti, che ne a lui nè a mortale chiunque era lecito di violare. Ponderate adunque seriamente queste ed altrettali cose deliberò alla fine seguire le parti di Giustiniano; fattosi per ciò indietro, e risaputo che Marcenzio, prefetto delle truppe della Bizacene, riparava a motivo di quei torbidi in cert'isola, vi spedì pregandolo che venisse a lui, e dandogli sicurezza di fede che nulla avrebbe sofferto nella persona; quegli di tutto compiacquelo, e giunto nel campo tennevi lunghi colloqui; ne vo' passar con silenzio che il presidio della città d’Adrumeto serbossi mai sempre fedele all'imperatore. Le truppe di Stoza poi all'avviso delle narrate vicende in numero di mille e non meno, ed avendovi oltre ai Vandali cinquecento Romani ed ottanta Unni, corsero immediatamente sotto le bandiere di Gontari, e furonvi del miglior animo accolte.