Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo II.djvu/537

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

INDICE 513


  scorrerie nella Persia. — Accampamento dell'esercito romano.  Pag. 241 
Capo XXIV. 

Descrizione della Dubiana. — Vescovo di lei nomato grecamente cattolico perchè unico in quella regione. — Nessuna discipina dell'esercito romano. — Sua conseguenza o, in altri termini, sconfitta di esso. 

» 245 
— XXV. 

Armi di Cosroe per la quarta volta sulle terre imperiali, ed assedio di Edessa. — E' vuol danaro dai cittadini. — Prosegue a cingerli strettamente coll'esercito, ed i suoi lavori giungono a sbigottire gli assediati, che mandangli Stefano, medico, Oratore di pace. — Parlar di costui. — Risposta del re. — La città vedesi agli estremi con timore gravissimo de’ suoi futuri destini 

» 249 
— XXVI. 

Il cavaliere minato ed arso dai Romani. — Due assalti colla peggio delle truppe reali. — Colloquio di pace senza effetto. — Mura di Edessa combattute indarno; accordi 

» 254 
— XXVII. 

Morte di Giusto e Peranio; Marcello e Constanziano, loro successori, mandati in ambasceria a Cosroe. — Guerra particolare tra Alamundaro ed Areta. — Isdigunna muove insidiosamente contro Dara, e, mancatogli il colpo, va ambasciadore in Bizanzio 

» 259 
— XXVIII. 

Navilio da costruirsi nel paese de' Lazj, e frodi tramate dal Persiano contro Gubaze. — Ricorre questi all'imperatore ed ottiene otto mila guerrieri aventi a 

 
Procopio, tom. I. 33