Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo II.djvu/69

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LIBRO PRIMO 49

Confermata ora da voi questa verità, ne procede tutto il rimanente di conseguenza ».

VI. Cotal avviso di Proclo riportò il voto dell’imperatore e di Giustiniano, i quali diedersi iucontanente ad escogitare tra sè un pretesto a fine di ricusare la domanda al monarca. Pervengono intrattanto uomini chiarissimi dalla Persia apportatori d’una seconda lettera a Giustino, in cui il re pregavalo di mandargli un'ambasceria per istabilire le condizioni della pace, e per esporgli la formula che profferirebbe nell'adozione. Ma Proclo con vie più grande fermezza d’animo combatté una seconda volta gli attentati de’ Persiani, e reseli maggiormente odiosi, disvelando com'essi tendessero alla usurpazione dell'imperio. Opinava inoltre che senza perdimento di tempo si trattasse la pace, facendo partire a questo effetto un’ambasceria composta di ragguardevolissimi personaggi; la quale ove fosse dal re interrogata sul conto dell'adozione, risponderebbe non avervi consuetudine tra i Romani di compiere in grazia de’ barbari tai cose per iscritto, ma bensì colle armi. Approvatosi dal consigllo l'avviso, Giustino accomiatò i Persiani, promettendo loro che tosto verrebbero aggiunti dai suoi; e dell’egual tenore scrisse eziandio la lettera di rimando a Cavado.

VII. Partirono quindi ambasciadori presso quel monarca un nipote di Anastasio nomato Ipazio, di schiatta patrizia e comandante delle truppe orientali, e Rufino prole di Silvano chiarissimo tra patrizj e d’una fa-