Pagina:Opere di Raimondo Montecuccoli (1821).djvu/12

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

vi

molti pregi estrinseci ed intrinseci fornita, e di nuovi frammenti, e di note, e di belle illustrazioni corredata, non supplisce tuttavia a gran pezza alle lacune che pur troppo s’incontravano nelle edizioni anteriori; oltrecchè l’acre ingegno dell’Editore piegava a stento al paziente e lungo lavoro che esigevano le note apposte dal Montecuccoli al testo delle opere sue, nelle quali tutta raccolse la dottrina militare degli antichi, e che il valoroso commentatore, assuefatto a maggiori voli, trasandò. Desiderava perciò ancora l’Italia una genuina e schietta edizione, la quale, meno ricca di forme e di fregi esteriori, ma più sincera nella lezione, e con quel corredo di note che l’Autore le aggiunse, potesse senza grave spesa andar fra le mani delle persone militari d’ogni ordine, ed essere loro guida e modello tanto nella teorica delle discipline di guerra, quanto nel modo di esporle nella lingua natìa. Di fatto le opere del Montecuccoli furono e saranno sempre considerate non solamente come irrefragabili elementi dell’arte, ma come perpetuo esempio di stile militare.

L’amore caldissimo che io porto ad ogni italiana grandezza, ed il desiderio di onorare la memoria d’uno de’ più insigni nostri capi-