Pagina:Opere di Raimondo Montecuccoli (1821).djvu/277

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


e che sulle militari. E quand’anche avessero drizzato il loro assunto a scopo militare, non avrebbero toccate se non poche epoche della storia dell’arte. Il Guibert s’accinse ad una storia della costituzione militare di Francia 1, incominciando dalla decadenza dell’impero d’occidente e da’ primordi della monarchia francese; ma la morte, liberandolo da una vita infelice e male rimeritata, precise anzi tempo il volo a quell’acre e libero ingegno.

X. Se non che anche quest’opera mirando a una sola nazione avrebbe somministrato alla scienza insufficiente materia. Per giungere a’ principj e fissare la loro invariabilità bisogna risalire per la scala di tutti i fatti, di tutti i tempi e di tutti gli agenti; paragonare il sistema di tutti i popoli dominatori e il genio de’ celebri capitani onde scoprire le cause generali che influirono alle conquiste della terra; finalmente esaminare sotto quali apparenze e con quali effetti queste cause generali agiscono a’ nostri tempi. Al che non si giungerà se non quando uno scrittore di mente filosofica, d’animo liberissimo e di vita guerriera (rare doti a conciliarsi) con lo studio degli autori antichi e moderni, delle imprese di tutti i grandi guerrieri, delle scienze che giovarono alla istituzione, alla economia, alla tattica, alla strategica ed alla fortificazione, estrarrà una storia dell’arte della guerra 2; storia che ha quattro età determinate dalle solenni

  1. Opuscoli postumi, nel volume V di tutte le opere del Guibert.
  2. Nacquero dalla guerra le vicende de’ popoli e degli stati; però non v’è arte che più della militare abbondi di storici e di maestri; ma non vi sono autori che più de’ militari rimangano inosservati. Vincenzo Lancetti, capo della sezione delle scuole militari, sta apparecchiando l’edizione d’una Biblioteca militare; dalle schede ch’io vidi parmi più ricca di molto di quelle tante spacciate da’ ciarlatani sotto questo titolo specialmente in Francia. E per tacere di siffatte compilazioni, l’Enciclopedia quante inutili farragini non lascia a troncare, quante cose utili e necessarie non lascia a desiderare! Una biblioteca militare eseguita con erudizione e con accurate divisioni di epoche e di materie riescirebbe utilissima alla storia dell’arte della guerra.