Pagina:Opere di Raimondo Montecuccoli (1821).djvu/290

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
270


la sua forza a quella del fluido elastico strigato dall' accensione della polvere, e produce un effetto tanto maggiore , quanto maggiore è la virtù del vapor dell’acqua sopra quella del fluido della polvere. Ma le proporzioni dell’acqua e della polvere in una carica determinala sono esse ben note, e chiaramenle stabilite? possono elleno dedursi dalle esperienze sopraccitate ? No. Gli Italiani non ebbero più campo da quel tempo in poi di esercitarsi nelle mine : trasportati in guerre lontane , essi non erano ammessi a partecipar quegli studii , che le altre nazioni fanno in questa parte difficilissima dell’arte della guerra , e che custodiscono gelosissime e serbano per se. Così questa bella scoperta nata in Italia sarà forse già stata maturamente riscontrata e ridotta a’ suoi principi! , e forse a quest ora essa s’insegna ai minatori stranieri , senza che l’Italia, che ne fu madre, ne goda alcun frutto , e voglia Dio, senza suo danno. Aggiungerò, poiché mi sembra esser questo il luogo opportuno, che le gazzette americane e inglesi dell’anno 1819 hanno annunziato essersi da un uffiziale americano (il signor Varnaghen) impiegata con felicissima riuscita una data quantità di segatura di legno in luogo d’una porzione di polvere nella carica delle mine; essersi a questo modo ottenuto maggior effetto con minor dose di polvere , e però minor dispendio, che sarebbe poca cosa e non da considerarsi in questa maniera d’opere ; ma quello che è più, maggior facilità nel lavoro, ed un più vasto circolo d’azione nello scoppio. Lasciando qui