Pagina:Opere scelte di Ugo Foscolo I.djvu/142

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

105

re umano sgorga dal sentimento profondo delle cose che circondano l’uomo, e l’uso migliore dipende dal discernimento del vero dal falso, e dal giudizio proporzionato agli effetti di ciascuna cosa. Ma gli organi del sentimento e dell’uso vivono più o meno perfetti nell’uomo stesso, e la forza di sentire e l’esattezza del giudicare, e l’intenzione nell’opera, non sorgono tanto dal numero, e dalla varietà delle idee e dei ragionamenti che i libri fanno sovr’esse, quanto dalla profondità con cui si stampano, dall’ordine con cui si dispongono, e dalla meta a cui senza mai traviare si dirigono.

Questi sono i principii sui quali io fonderò le mie lezioni, nè mi presumo che sieno da voi per ora ammessi come certi ed innegabili, e molto meno presumo che sieno compresi in tutta la loro estensione. Quanto alla loro certezza voi la vedrete, spero, con minor fatica di quella che ho dovuto durare.

Le osservazioni sulla natura dell’uomo, su me medesimo, e sulle storie cominciarono a somministrarmeli dacchè educato sempre liberamente, istruito dai fatti, e non mai guidato dalle teorie, io vivo tra le passioni, e le opinioni, e gli studi degli uomini; poi l’as-