Pagina:Opere scelte di Ugo Foscolo I.djvu/168

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

131

Dante, il quale ha bensì usato all’uopo della trasposizione, come sarebbe in quel verso =

Ambo le mani per dolor mi morsi =


ma in modo naturalissimo e chiaro. Bisogna però confessare, per essere sinceri, che anche il Boccaccio sapeva scrivere in una lingua rapida e schietta, quando agitato dalle passioni non sentiva il prestigio dell’arte, come può osservarsi nel suo Corbaccio, o Laberinto d’Amore. Boccaccio nacque in Firenze, o come altri vogliono in Certaldo nel 1313, morì nel 1375, d’anni 62.


SECOLO XV.


Machiavelli spogliandosi affatto di quelle trasposizioni boccaccesche, scrisse pel primo l’italiano purgato e netto. Le idee in esso vengono chiare, e vi si gustano le originali bellezze della nostra lingua. Si dice che poco sapesse di lingua latina; forse questa sua ignoranza contribuì a distaccarlo dai difetti di Boccaccio. Machiavelli morì nel 1530, miserabile e odiato da tutti pel suo trattato di politica tiranna, intitolato il Principe.