Pagina:Opere scelte di Ugo Foscolo II.djvu/123

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
122

X.



Che stai? già il secol l’orma ultima lascia
    Dove del tempo son le leggi rotte
    Precipita, portando entro la notte
    4Quattro tuoi lustri, e obblio freddo li fascia.

Che se vita è l’orror, l’ira, e l’ambascia,
    Troppo hai del viver tuo l’ore prodotte;
    Or meglio vivi, e con fatiche dotte
    8A chi diratti antico esempi lascia.

Figlio infelice, e disperato amante,
    E senza patria, a tutti aspro e a te stesso,
    11Giovine d’anni e rugoso in sembiante,

Che stai? breve è la vita, e lunga è l’arte;
    A chi altamente oprar non è concesso
    14Fama tentino almen libere carte.