Pagina:Opere scelte di Ugo Foscolo II.djvu/33

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
32

E a piè dell’Eliconica pendice
     Mordea co’ denti, poi che fu slattato,
     45Ogni fresco germoglio, ogni radice.
Fatto poi grande, a chi gli passa allato
     Ringhia ed abbaia peggio d’un mastino;
     48S’altri non l’ode fuggesi arrabbiato.
Ma a chi ’l teme, e si svia dal buon cammino
     Fa poi moine, e il chiama, e il palpa e il loda,
     51Chiedendo per limosina un quattrino.
Per fame ti vitupera e li loda
     Per fame ardisce e teme e liscia e morde
     54Fame gl’insegna a far bella ogni froda.
Ma ben più d’oro che di pane ha ingorde
     Le fauci; e spesso apparve alla mia vista
     57Con monete d’umano sangue lorde.
Questo animal si chiama il G.........