Pagina:Opere varie (Manzoni).djvu/80

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
74 adelchi

Noma Fedeli.... oh! di guardarsi indietro
Non è più tempo: egli è destin, che pera
Un di noi due; far deggio in modo, o Veglio,
Ch’io quel non sia.


SCENA IV.


GUNTIGI, SVARTO, AMRI.


                       svarto.
                         Guntigi!

                       guntigi.
                                       Svarto!
                        (ad AMRI)
                                              Alcuno
Non incontrasti?

                        amri.
                      Alcun.

                       guntigi.
                               Qui intorno veglia.
                     (AMRI parte.)

SCENA V.


GUNTIGI, SVARTO.


                       svarto.
Guntigi, io vengo, e il capo mio commetto
Alla tua fede.

                       guntigi.
                    E tu n’hai pegno; entrambi
Un periglio corriamo.

                       svarto.
                          E un premio immenso
Trarne, sta in te. Vuoi tu fermar la sorte
D’un popolo e la tua?

                      guntigi.
                          Quando quel Franco
Prigion condotto entro Pavia, mi chiese
Di segreto parlar, messo di Carlo
Mi si scoverse, e in nome suo mi disse
Che l’ira di nemico a volger pronto