Pagina:Opere varie (Manzoni).djvu/91

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto quinto. 85

A chi fu re; né a me con detti acerbi
L’odio antico appagar lice, nè questo
Gaudio superbo che in mio cor s’eleva,
Ostentarti sul volto; onde sdegnato
Dio non si penta, e alla vittoria in mezzo
Non m’abbandoni ancor. Nè, certo, un vano
Da me conforto di parole attendi.
Che ti direi? ciò che t’accora, è gioia
Per me; nè lamentar posso un destino,
Ch’io non voglio mutar. Tal del mortale
È la sorte quaggiù: quando alle prese
Son due di lor, forza è che l’un piangendo
Esca dal campo. Tu vivrai; null’altro
Dono ha Carlo per te.

                      desiderio.
                             Re del mio regno,
Persecutor del sangue mio, qual dono
Ai re caduti sia la vita, il sai?
E pensi tu, ch’io vinto, io nella polve,
Di gioia anco una volta inebbriarmi
Non potrei? del velen che il cor m’affoga,
Il tuo trionfo amareggiar? parole
Dirti di cui ti sovverresti, e in parte
Vendicato morir? Ma in te del cielo
Io la vendetta adoro, e innanzi a cui
Dio m’inchinò, m’inchino: a supplicarti
Vengo; e m’udrai; chè degli afflitti il prego
È giudizio di sangue a chi lo sdegna.

                        carlo.
Parla.

                      desiderio.
            In difesa d’Adrian, tu il brando
Contro di me traesti?

                        carlo.
                           A che domandi
Quello che sai?

                      desiderio.
                      Sappi tu ancor che solo
Io nemico gli fui, che Adelchi - e m’ode
Quel Dio che è presso ai travagliati - Adelchi
Al mio furor preghi, consigli, ed anche,
Quanto è concesso a pio figliuol, rampogne
Mai sempre oppose: indarno!

                        carlo.
                                       Ebben?